Dermopigmentazione paramedicale: che cos’è?

Che cos’è la dermopigmentazione paramedicale?

La dermopigmentazione paramedicale è un trattamento che si effettua attraverso la micropigmentazione e si applica sugli inestetismi della pelle.

La dermopigmentazione paramedicale può essere utile per:

  • Trattamento della vitiligine
  • Trattamento di cicatrici
  • Correzione o rimozione di precedenti lavori di dermopigmentazione
  • Risoluzione problematiche di alopecia
  • Progettazione di tricopigmentazione

Ricostruzione del capezzolo e dell’areola mammaria: di cosa si tratta?

In particolare, il trattamento di ricostruzione del capezzolo e dell’areola mammaria segue gli interventi di mastectomia, mastopessi, mastoplastica additiva o riduttiva. Proprio per questo i risultati della dermopigmentazione paramedicale, in particolare gli interventi di ricostruzione del capezzolo e dell’areola mammaria, ne fanno un validissimo alleato del chirurgo plastico, dell’oncologo e del medico specialista.

Attraverso la ripigmentazione dell’areola e del capezzolo è possibile completare o ricreare quella parte del corpo che è stata menomata dall’intervento chirurgico.

C’è un mercato? Lavorerò in questo campo? 

Il mercato della dermopigmentazione visagistica è in continua crescita: và da sé che differenziare il proprio servizio diventa sempre più difficile in questo settore. Il paramedicale offre proprio la condizione per distanziarsi ed elevarsi.

La dermopigmentazione paramedicale è sempre più adottata nelle strutture sanitarie specializzate. In alcuni Paesi europei è stata anche adottata dal servizio sanitario nazionale, per le soluzioni estetiche ottenute e gli ottimi risultati psicologici sul paziente. L’evoluzione delle tecniche e l’introduzione della dermopigmentazione paramedicale nelle strutture mediche specializzate rendono questo settore in forte espansione.

L’attenzione per la dermopigmentazione paramedicale da parte della classe medica, l’evoluzione delle tecniche e delle tecnologie e una maggiore consapevolezza anche da parte dei pazienti, hanno determinato un grande sviluppo della dermopigmentazione paramedicale. Questo trattamento è sempre più praticato e richiesto da chirurghi plastici, senologi e oncologi, ricevendo molti riconoscimenti da parte della classe medica.

Lavoro di micropigmentazione paramedicale effettuato da Ennio Orsini

L’aspetto psicologico: il trattamento del cuore.

La dermopigmentazione paramedicale è a tutti gli effetti un trattamento complementare all’intervento chirurgico. Sarà possibile ricreare l’areola e il capezzolo ripigmentando l’area da trattare attraverso una seduta di micropigmentazione. La ricostruzione dell’areola mammaria e del capezzolo ridona alle persone con importanti menomazioni estetiche l’equilibrio psicologico e la possibilità di relazionarsi senza blocchi o complessi.

Dal punto di vista estetico infatti non sempre l’intervento medico riesce a risolvere anche quel “disagio psicologico” conseguente agli interventi (specie quelli di mastectomia) dove i seni vengono totalmente o parzialmente asportati chirurgicamente.
In questi casi è sempre prevista la ricostruzione del seno con protesi, ma l’inestetismo che spesso viene generato è quello legato agli esiti cicatriziali, oltre la mancanza totale o parziale dell’areola mammaria e del capezzolo.
Fortunatamente è possibile risolvere e/o sicuramente diminuire il disagio legato a quanto sopra descritto, grazie alle tecniche correttive di disegno che trovano applicazione nel trattamento.

Scopri il corso di dermopigmentazione paramedicale